Mostre » BUNKER D'ARTE

Wilhelm Sasnal, Senza titolo, 2000, olio su tela, cm 42x43

BUNKER D'ARTE

Nell’ambito del progetto “TRANSFERT”, l’Istituto Polacco di Roma presenta la Collezione della Galleria d'Arte Contemporanea Bunkier Sztuki di Cracovia

a cura di Redazione, il 20/01/2008

Lunedì 21 gennaio, l’Istituto Polacco di Roma presenta a Palazzo Blumenstihl in via Vittoria Colonna 1, e nella sede distaccata di via dei Prefetti 46, la mostra “Bunker d’Arte - Collezione della Galleria d'Arte Contemporanea Bunkier Sztuki di Cracovia”, a cura di Beata Nowacka-Kardzis e Ania Jagiello, primo appuntamento del progetto “TRANSFERT Gallerie Polacche a Roma”

Una collezione presentata per la prima volta all’estero

A partire dagli anni Novanta la Galleria Bunker d’Arte di Cracovia è uno dei centri più influenti sulla scena artistica polacca. Un forum per i nuovi media che si distingue per un programma espositivo impegnativo e coraggioso. La sua collezione è la cronaca delle questioni fondamentali relative all’arte polacca degli ultimi anni e raccoglie il lavoro di molti dei protagonisti di questo sviluppo.

In mostra opere di sedici artisti di tutte le generazioni

Opera di Janek Simon

L’esposizione italiana è la prima presentazione della Collezione del Bunker d’Arte al di fuori dei confini nazionali e si concentra sul lavoro di sedici artisti. Tra i più anziani Józef Robakowski, pioniere della videoarte in Polonia, Krzysztof Wodiczko, noto per le sue proiezioni pubbliche realizzate in tutto il mondo, e Marek Sobczyk, tra i fondatori del Gruppa, i “nuovi selvaggi” della pittura polacca.

La generazione di mezzo è rappresentata da artisti quali Łukasz Skąpski, il cui lavoro unisce concettualismo ed estetica minimalista; Marta Deskur e Katarzyna Górna, praticano entrambe la fotografia e il vide; Jadwiga Sawicka, autore di quadri parsimoniosi, freddi e intellettuali; Piotr Lutyński, pittore incredibilmente impulsivo, sensitivo e sensuale e Wael Shawky, creatore di installazioni e film.

La scena artistica recente ha posto alla ribalta personalità quali Oskar Dawicki, performer, autore di film e installazioni, Wilhelm Sasnal, Rafał Bujnowski e Marcin Maciejowski, impegnati principalmente in ambito pittorico: un tempo lavoravano insieme nel Grupa Ładnie, ora, singolarmente, ottengono riconoscimenti e lodi internazionali.
Tra le giovani “scoperte” della scena cracoviana, accompagnate e sostenute fin dagli esordi dal Bunker d’Arte, Janek Simon, Karolina Kowalska e Małgorzata Markiewicz.

Il nuovo centro “Bunker d’Arte” a Palazzo Blumenstihl

In occasione dell'inaugurazione della mostra, in programma lunedì 21 gennaio alle 19, sarà presentato il centro “Bunker d’Arte”, sito presso la sede dell’Istituto Polacco di Roma, a Palazzo Blumenstihl, in via Vittoria Colonna 1.

    Scheda Tecnica

  • “Bunker d’Arte - Collezione della Galleria d’Arte Contemporanea Bunkier Sztuki di Cracovia”
    dal 22 gennaio al 29 febbraio 2008
    Inaugurazione: lunedì 21 gennaio, ore 18.30
  • Curatori:
    Beata Nowacka-Kardzis, Ania Jagiello
  • Istituto Polacco di Roma
    Roma, Via Vittoria Colonna 1
    Orario di apertura: lun-ven, ore 14-18; sab e festivi chiuso
    Biglietti: Ingresso libero
    Info: Tel. (+39) 06 36000723 - Fax (+39) 06 36000721
    segreteria@istitutopolacco.it
    Istituto Polacco di Roma
  • Sede distaccata
    Roma, Via dei Prefetti 46
    Orario di apertura: mar-ven, ore 16-19; lun e festivi chiuso
    Biglietti: Ingresso libero
    Info: Tel. (+39) 06 68805610 - Fax (+39) 06 68307465
    segreteria@istitutopolacco.it
    Istituto Polacco di Roma

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader