Mostre » Raffaella Simone. Opere

"Sorciere", di Raffaella Simone

Raffaella Simone. Opere

Una mostra all’insegna della figurazione inaugura il nuovo spazio espositivo del Circolo di cultura omosessuale “Mario Mieli” di Roma

a cura di Redazione, il 18/01/2008

Supporti lignei che accolgono frammenti di scritture e immagini, dando voce a un ricco repertorio di prelievi matrici, citazioni, elementi simbolici e figurativi provenienti dal folklore, dalla religiosità popolare, da un inconscio abitato da fascinazioni antiche e creature misteriose.

È una mostra all’insegna della figurazione quella che inaugura il nuovo spazio espositivo del Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli: protagonista di questo primo appuntamento espositivo, dal 20 gennaio al 3 febbraio, è la pittrice di origine abruzzese Raffaella Simone, che propone una personale dal titolo “Opere”, a cura di Francesco Paolo Del Re e Antonio David Fiore.

Una pittura che attinge da memorie vicine e lontane

La pittura di Raffaella Simone ha la consapevolezza di un rituale magico: ambisce a evocare suggestioni e ispirazioni dalle profondità di un sostrato culturale denso di simboli ed echi antichissimi eppure vividamente presenti.

Memorie di culture lontane e vicine, dal retaggio della spiritualità dell’Abruzzo, la terra di magie dove l’artista si è formata, al patrimonio della letteratura occidentale contemporanea, gli elementi cui Simone attinge sono cifre di una complessa grammatica che apparenta dee pagane e martiri di santi, serpenti e figure femminili di magnetica seduzione.

È un’iconografia eclettica, quella messa in campo dall’artista, che dà voce a un percorso di ricerca pittorica che scava tra le fibre della materia, affastellando su supporti di legno elementi disparati, carte, lacerti di tessuti e cera, insieme a pigmenti, ghirigori di parole, echi di fiabe e versi di poesie.

Un’indagine sulla spiritualità, sulle radici profonde dei gesti ripetitivi e consueti della quotidianità

Sono prelievi attinti da una memoria insieme personale e collettiva, che fanno da puntello a una riflessione sull’identità tanto dell’essere artista quanto dell’umanità contemporanea in generale, sospesa su un inconoscibile denso di amore, paure e aspirazioni.

"Sacro Cuore", un'altra delle opere di Simone in mostra al Circolo Mieli

È, quella della pittura di Simone, un’indagine sulla spiritualità, sulle radici profonde che si allungano al di sotto dei gesti ripetitivi e consueti della quotidianità: un percorso personale di ricerca oltre il visibile, oltre il tempo, un invito a immergersi nella magie e nel mistero dell’esistenza, prendendo coscienza della meravigliosa complessità dell’anima.

La scelta dell’uso del legno nelle parole dell’artista

«Mi interessa - spiega l’artista - la stratificazione, lo spessore di superfici aspre, ruvide, segnate, graffiate, macerate e imperfette. Utilizzo come supporto il legno, materiale vivo, caldo ma anche duro e scabro, da ricoprire e trasformare con materiali ‘poveri’ come frammenti di carta, di tessuti, garze, pigmenti e cera.

«Sono attratta – continua Simone – dal frammento, dai lacerti, dalle fibre strappate e ricomposte, dai pigmenti stratificati e dalla cera colata sul dipinto, che con la sua patina densa e morbida tiene insieme il potenziale energetico della materia. Anche la scrittura diventa un decoro: stralci di fiabe, di poesie, di leggende e di antiche preghiere popolari vengono proposte e rielaborate per lasciare una traccia labile e ’polverosa’, appunti di viaggio, frammenti, suggestioni, ricordi».

Già location in passato di eventi espositivi, la storica associazione gay capitolina, che nel 2008 festeggia i 25 anni dalla sua fondazione, propone ora con il progetto “Galleria Mieli” un ciclo organico di mostre per tutto l’anno, con l’obiettivo non solo di dare spazio e visibilità a giovani artisti omosessuali, ma anche di promuovere un confronto e un incontro tra la comunità gay e le varie forme di creatività e ricerca artistica contemporanea.

    Scheda Tecnica

  • Raffaella Simone. “Opere”
    dal 20 gennaio al 3 febbraio 2008
    Inaugurazione: domenica 20 gennaio, ore 17
  • Curatori:
    Francesco Paolo Del Re, Antonio David Fiore
  • Circolo di cultura omosessuale “Mario Mieli”
    Roma, via Efeso 2/A (Metro San Paolo - Linea B)
  • Orario di apertura:
    lun-mer-ven, ore 11- 18; mar-gio, ore 11-14; sab-dom, ore 15-19
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Info:
    Tel. (+39) 06 5413985
    info@mariomieli.org
    Circolo di cultura omosessuale “Mario Mieli”

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader