Mostre » Al Mnaf di Firenze la Grande Depressione negli scatti di Walker Evans

Al Mnaf di Firenze la Grande Depressione negli scatti di Walker Evans

a cura di Redazione, il 09/01/2007

Oltre cento immagini, accompagnate da libri, riviste e documenti, che illustrano la Grande Depressione americana. Questi i soggetti esposti nella mostra che il Mnaf, Museo Nazionale Alinari della Fotografia di Firenze, dedica, a partire dall’11 gennaio, al lavoro di uno dei più grandi fotografi della prima metà del Novecento, Walker Evans.
Nelle sale del Museo ospitato nello storico complesso delle Leopoldine in Piazza Santa Maria Novella a Firenze, sarà possibile ripercorrere, attraverso il lavoro fotografico che Evans svolse tra il 1935 e il 1937 per la Farm Security Administration – organismo del governo americano impegnato nel monitoraggio delle politiche e della situazione economico-sociale delle aree rurali del paese, dopo la crisi del 1929 – questo difficile periodo storico vissuto dagli Stati Uniti.
Grande fotogiornalista, Evans documentò, insieme a Dorothea Lange, gli effetti della Grande Depressione americana. Per tre anni, viaggiando per gli stati del Sud e del Centro degli Stati Uniti, Evans monitorò le condizioni di vita dei contadini raccogliendo con uno stile senza compromessi, semplice ed austero, documenti eccezionali sulle condizioni difficili degli affittuari, sulle loro case, i loro beni, le loro scuole, i sistemi di lavoro e più in generale sulle loro reali condizioni. Egli riuscì a mettere mirabilmente in stretta relazione la popolazione con i loro ambienti, con la comunità e con il riflesso della situazione nazionale.
Celebri i ritratti di uomini e donne segnati dalla ‘depressione’ (Donna dell’Alabama, 1936), ma anche le immagini di architetture, case o luoghi senza abitanti, nelle quali tuttavia si avverte sempre la presenza umana e la vita e la cultura americane. Significative anche le fotografie di vetrine, negozi ed insegne pubblicitarie, realizzate per evidenziare il contrasto tra una società consumistica e ricca e un mondo circostante misero e desolato (Case e cartelloni pubblicitari in Atlanta, 1936).
La mostra presenta una selezione dei principali lavori di Evans e della loro trasformazione attraverso vari processi di stampa comprendenti, oltre alle emulsioni tradizionali ai sali d’argento, la fotoincisione, la stampa litografica e la rilievografia, fino alle rielaborazioni digitali al nerofumo.
Tutte le stampe fotografiche sono specificamente una rielaborazione a partire dai negativi originali. È un’interpretazione ideale da parte dell’artista o di un tecnico di fiducia.

Scheda tecnica

“Walker Evans. Argento e carbone”
Dall’11 gennaio al 25 marzo 2007

MNAF - Museo Nazionale Alinari della Fotografia
Firenze, Piazza Santa Maria Novella 14a

Orario di apertura:
Tutti i giorni: ore 9.30-19.30; il sabato fino alle 23.30. Chiuso il mercoledì.

Biglietti:
Intero 9 euro; ridotto 7.50 euro; convenzioni 6 euro; scuole 4 euro; gratis bambini fino a 5 anni
Il biglietto è comprensivo della visita al Museo.

Info:
Tel. (+39) 055 216310
Fax (+39) 055 2646990
Sito Alinari
Sito MNAF
mnaf@alinari.it

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader