Mostre » Richard Journo, quando lo sbadiglio diventa arte

Richard Journo, quando lo sbadiglio diventa arte

a cura di Redazione, il 06/01/2007

Il MLAC, Museo Laboratorio di Arte Contemporanea dell’Università di Roma “ La Sapienza”, presenta a partire dall’11 gennaio la mostra personale di Richard Journo, “Interazione Inversa”, evento che si inserisce all’interno del ciclo espositivo Laboratorio, diretto da Simonetta Lux e curato da Domenico Scudero, realizzato con il contributo della Regione Lazio per la ricerca “Applicazione nuove tecnologie multimediali arte contemporanea”.
Interazione Inversa è un progetto di installazione video nato con l’intenzione di far interagire il pubblico e renderlo parte stessa dell’opera d’arte. Per fare ciò Journo ha deciso di non utilizzare l’elettronica o il digitale, ma il comportamento naturale e primordiale dell’essere umano: lo sbadiglio e la sua carica contagiosa istintiva. Lo sbadiglio è motivo di continue ricerche scientifiche alcune delle quali hanno verificato che i primi sbadigli possono avvenire già dal terzo mese di gravidanza nel ventre della madre. La mostra, curata da Simonetta Lux, verte sull’analisi di questo fenomeno, evidenziandone l’aspetto altamente contagioso che va al di là delle dicerie popolari che lo associano al sonno e alla noia. L’installazione fa leva sullo sbadiglio per far partecipare involontariamente il pubblico a una reazione a catena, attraverso l’esperienza personale del gesto stesso. L’intenzione dell’artista, mediante la rilevazione di questo comportamento, sta nell’introdurre un motivo preoccupante dello stato di tanta arte contemporanea ormai vuota e superficiale, basata esclusivamente sul sensazionalismo e su meri valori estetici; priva di quei valori concettuali che fanno parte integrante del lavoro stesso dell’artista. I codici che appaiono sullo schermo al momento dello sbadiglio sono rappresentativi di un linguaggio criptato traducibile attraverso la lettura delle tavole dei codici pubblicati assieme a tanti altri documenti esposti al piano inferiore della mostra. Interazione Inversa si ispira inoltre alla ricerca delle "Neural Interactive Technologies" che sta agendo positivamente per tante persone soggette a forme di handicap fisico; tuttavia è anche motivo di preoccupazione per gruppi di scienziati impegnati eticamente per il possibile utilizzo di queste tecnologie per il controllo della mente umana.
Richard Journo è tra i ventuno artisti analizzati nella storia dell’arte più attuale da Simonetta Lux nel volume Arte ipercontemporanea. Un certo loro sguardo. Ulteriori protocolli dell’arte contemporanea (Gangemi Editore, Roma 2006).
 
Richard Journo, di origine italiana, è nato a Tripoli (Libia) nel 1958, vive e lavora tra Roma e Londra. Negli ultimi vent’anni ha curato la regia e prodotto decine di documentari, e ha partecipato a numerose mostre in tutto il mondo con video, installazioni e opere digitali di ampio formato. Il lavoro di Journo si espande dall’arte e scienza alla matematica e alla codificazione: incluso codici cifrati, musicali, di comportamento e codici genetici. In diversi modi l’artista esplora e visualizza gli automatismi indotti dai codici in uso nei diversi campi del sapere e della comunicazione.
 

Scheda tecnica

Journo. Interazione Inversa
Dall’11 gennaio al 31 gennaio 2007

MLAC
Roma, Piazzale Aldo Moro 5
Palazzo del rettorato

Orario di apertura:
Dal lunedì al venerdì, ore 10-19.30

Info:
Tel. (+39) 06 49910653 - Fax (+39) 06 49910365
muslab@uniroma1.it
MLAC

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader