Mostre » Daniela Brambilla: omaggio ad Andrej Tarkovskij

Daniela Brambilla: omaggio ad Andrej Tarkovskij

A SpazioCinema le suggestive tele della pittrice milanese ispirate all’opera del regista russo

a cura di Redazione, il 27/12/2007

La pittrice milanese Daniela Brambilla dedica un articolata serie di oli su tela all'elemento Acqua, così come viene visto e interpretato dal regista russo Andrej Tarkovskij nel corso della sua filmografia. Ed è una sala cinematografica, com'è giusto, ad ospitare questa singolare operazione critico-estetica. L’esposizione, allestita nei locali di SpazioAperto, resterà aperta al pubblico fino al 28 gennaio.

La pittrice e il cineasta accomunati dall’esigenza di esprimere la bellezza del mondo

Nella poetica di Andrej Tarkovskij, Brambilla ha ritrovato e condiviso l'esigenza di suscitare il sentimento della bellezza del mondo, e l’immenso amore del cineasta per la verità della vita, reso attraverso una percezione plurisensoriale della realtà circostante, le ha aperto la strada ad altre suggestioni ed altre emozioni. Per dirla con Gogol: «Mio compito è parlare per mezzo di immagini viventi e non per mezzo di ragionamenti».

Gli studi e le attività di Daniela Brambilla sono da sempre incentrati sulla ricerca e la produzione di immagini nel campo della comunicazione e delle arti visive. Laureata in Architettura e successivamente al DAMS in Critica d'arte, non ha mai smesso di "tenere la matita in mano”, portando avanti la ricerca sul disegno dal vero e, in particolare, sul disegno del corpo umano. Ha lavorato nel campo dell’illustrazione, della decorazione, della scenografia e degli allestimenti di mostre e fieristici.

Dal 1986 coordina il corso di “Illustrazione e animazione” dell'Istituto Europeo di Design di Milano, dove insegna Disegno della figura. Già autrice del fortunato testo didattico “L'inquadratura-Strategia del racconto visivo” (Editiemme), con la casa editrice Ikon ha ora in preparazione un volume sul disegno del corpo femminile.

L'acqua come tema centrale della ricerca pittorica di Daniela Brambilla

Dai primi anni '90, avendo trasferito in Toscana parte della sua attività, è rimasta inevitabilmente rapita dal paesaggio locale, dalle sue luci e dai suoi colori; le lunghe passeggiate lungo i torrenti e i fiumi della zona l'hanno portata a provare una fusione sempre maggiore con la magia di quell'ambiente, fino a che l'acqua, con il suo infinito vocabolario di luci e movimenti, trasparenze e riflessi, è diventata il tema centrale della sua ricerca pittorica e punto di fusione di tutti gli altri interessi figurativi.

Partendo dall'associazione acqua-femminilità, naturale e spontanea, ha proseguito per altre ricerche dove il corpo della donna e l'acqua scoprono i loro punti in comune.

Negli anni ha partecipato a diverse mostre collettive. Tra le ultime, La nemica del cuore, ovvero le 12 Veneri alla Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea di Bondeno (Ferrara) e Acqua culla dell'essere al Circolo Bertolt Brecht di Milano. Le mostre personali: nel 2002 Onde d'ombre. Nudi e paesaggi al Palazzo dei Priori di Volterra e nel 2007 Solo nudi, 1992-2006 alla Galleria Arte & Grafica di Genova, entrambe a cura di Ferruccio Giromini.

    Scheda Tecnica

  • Daniela Brambilla: omaggio ad Andrej Tarkovskij
    fino al 28 gennaio 2008
  • Anteo SpazioCinema
    Milano, Via Milazzo 9
  • Orario di apertura:
    tutti i giorni, ore 15-22.30
  • Info:
    (+39) 02 6597732
    (+39) 02 43 91 27 69 int.3 (lun-ven in orario d'ufficio)
    Anteo SpazioCinema
    Sito web di Daniela Brambilla

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Redazione, il 27/12/2007

«Il mio incontro con Tarkovskij»

«L’incontro con i film di Andrej Tarkovskij è stato per me del tutto casuale e piuttosto tardivo. All’improvviso mi sono vista spalancare un infinito mondo di immagini nel quale ho ritrovato – e del quale ho condiviso – soprattutto la grande attenzione per la natura e gli elementi che la costi...