Eventi » Nostoi. Capolavori ritrovati

Frammento di volto di statua in avorio Seconda metà del I secolo a.C.

Nostoi. Capolavori ritrovati

Al Quirinale 67 esemplari di arte antica rientrati in Italia grazie agli accordi internazionali promossi dal MiBAC

a cura di Redazione, il 19/12/2007

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano e il Vicepresidente del Consiglio e Ministro per i Beni e le Attività Culturali, Francesco Rutelli, hanno inaugurato la mostra “Nostoi. Capolavori ritrovati” che, ospitata al Palazzo del Quirinale e aperta al pubblico da venerdì 21 dicembre (fino al 2 marzo 2008), presenterà 67 capolavori d’archeologia rientrati nel nostro Paese a seguito degli accordi raggiunti dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali con importanti musei americani e con collezionisti d’arte internazionali.

Il faticoso ritorno a casa delle opere trafugate, grazie a Carabinieri, Magistratura e Beni Culturali

La parola greca “Nostoi”, legata ai poemi epici che raccontavano il ritorno degli eroi greci in Patria dopo la distruzione di Troia, si riferisce a lunghi e faticosi viaggi affrontati per tornare a casa.

L’esposizione “Nostoi. Capolavori ritrovati”, che si terrà nelle prestigiose sale della Galleria di Papa Alessandro VII, impreziosita dagli affreschi di Pietro da Cortona, vuole essere il lieto fine di un racconto che narra la storia di magnifiche opere d’arte antica che, dopo essere state illecitamente trafugate pur appartenendo di diritto al patrimonio nazionale, tornano finalmente a casa, grazie allo sforzo congiunto del Comando dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale, Magistratura, Diplomazia Culturale voluto dal Ministro Rutelli.

L’esposizione è a cura del professor Louis Godart, Consigliere del Presidente della Repubblica per la Conservazione del Patrimonio Artistico, ed è organizzata e realizzata da Comunicare Organizzando di Alessandro Nicosia.

Lekythos pestana a figure rosse rappresentante il giardino delle Esperidi, attribuita al ceramografo di Asteas, 350-340 a.C. (Già J. Paul Getty Museum – Los Angeles)

L’obiettivo è riportare il commercio dell’arte e dell’archeologia entro i confini dell’etica

“Nostoi. Capolavori ritrovati” testimonia la tenace volontà dell’Italia di recuperare sul piano internazionale l’unicità del nostro patrimonio culturale, per riportare il commercio dell’arte e dell’archeologia sotto i numi tutelari dei principi etici.

Tra gli anni 1970 e i primi anni 2000 molti bacini archeologici del nostro Paese sono stati depredati di incommensurabili ricchezze: seguendo percorsi clandestini e traffici illeciti i reperti ritrovati da scavatori clandestini venivano venduti a mercanti senza scrupoli e tramite questi finalmente ceduti a importanti musei europei, americani e giapponesi e anche a ricchi collezionisti privati.

Un percorso di “ricontestualizzazione” dei capolavori ritrovati nel loro ambiente originario

La “decontestualizzazione” che subiscono i reperti scavati clandestinamente li rende “muti”: non forniscono più informazioni agli studiosi sulla loro provenienza, sul corredo di cui eventualmente facevano parte, sugli oggetti da cui erano accompagnati.

Lo scavo clandestino cancella tutta la Storia che gli oggetti recano con sé, e di cui sono impregnati. Giulio Carlo Argan diceva che «distruggere l’arte è un tal peccato che, se si riscrivessero le Tavole della Legge, dovrebbe di certo esservi ricompreso».

Il ritorno di straordinari capolavori si configura così come un percorso di ricontestualizzazione: la mostra presentata al pubblico presso il Quirinale vuole non solo essere un percorso tra preziosi manufatti mai visti, ma vuole soprattutto celebrare il ricollocamento di tali preziosi oggetti nell’ambiente di cui rappresentano un preciso momento culturale, le radici, un’epoca.

    Scheda Tecnica

  • “Nostoi. Capolavori ritrovati”
    dal 21 dicembre 2007 al 2 marzo 2008
  • Curatore:
    Louis Godart
  • Galleria di Alessandro VII
    Roma, Palazzo del Quirinale
  • Orario di apertura:
    mar-sab, ore 10-13 e 15.30-18.30
    dom, ore 8.30-12
    lun e festività chiuso
  • Biglietti:
    mar-sab, ingresso libero
    dom, e 5 con visita al Palazzo
  • Catalogo:
    Tecnostampa, Loreto (€ 20)
  • Ulteriori info:
    Presidenza della Repubblica
    Organizzazione generale: Comunicare Organizzando
    Tel. (+39) 06 3225380 - Fax (06) 3224014
    info@comunicareorganizzando.it

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Redazione, il 19/12/2007

Nostoi: una battaglia etica che guarda al futuro

Una grande battaglia etica a livello internazionale trova suggello nella mostra “Nostoi. Capolavori ritrovati” che apre le porte a nuove “restituzioni”, e a una rinnovata e rinvigorita stagione di scambi sul piano di studi scientifici e di collaborazioni culturali con le Istituzioni Culturali ...